Versione accessibile
 
Homepage
Scrivi
Cerca nel sito
Mappa del sito
Circolo Didattico di Cattolica
logo home
 
foto scuole 2
|Links|
Offerta Formativa 2012/2013

Spazio insegnanti

Spazio genitori

Archivio

Area riservata





La natura ci insegna 5

 
 

 LA NATURA CI INSEGNA 5

 

Progetto Educazione Ambientale

Classi quinte del Circolo

 Clicca QUI per visionare la documentazione  

L'uomo compie processi di trasformazione che prima di lui ha già compiuto la Natura, la quale anche oggi li compie con o senza la presenza dell'uomo. L'intera vita terrestre e persino cosmica è tale solo come conseguenza di continue trasformazioni indipendenti dalla volontà umana.

Noi, oggi, per nostra cultura ed abitudini, pensiamo (e vogliamo) che la Natura si muova in relazione al movimento e ai bisogni degli uomini,  in realtà è esattamente il contrario (anche se è vero che l'azione dell'essere umano influenza quella della Natura).

Ma la Natura non ha bisogno dell'essere umano per esistere e riprodursi, sicché bisogna dire che, quando l'essere umano influenza, la Natura il più delle volte lo fa in maniera negativa.

L'ideale sarebbe che l'uomo influenzasse il meno possibile i processi naturali, cioè che si accontentasse di quanto la Natura spontaneamente gli offre e che usasse la tecnologia in forme e modi essenziali.

Questo significa che nella Natura esistono dei tempi ben precisi da rispettare, che lei stessa si è data, ma che l’uomo spesso non tiene in considerazione.

Quando si parla di rispetto della Natura, l’idea più ricorrente che viene evocata è quella di azione “ecologista” e questa consiste essenzialmente nel vigilare affinchè il “naturale progresso dell’umanità” avvenga senza inquinamenti e senza modificare troppo l’ambiente, che è considerato bello e quindi da salvare.

In sostanza, quella che viene chiamata azione ecologista è la “protezione dell’ambiente”: non inquinare, mantenere pulito il paesaggio, installare filtri e depuratori e conservare qua e là alcune isole di natura dove recarsi a scopo ricreativo, i “Parchi”.

Tutto questo non è sufficiente, perché il problema ecologico nasce dall’atteggiamento della cultura dominante, dal pensiero di fondo della civiltà industriale, dal suo inconscio collettivo.

E’ un problema filosofico, molto più che un problema pratico o tecnico. Se non si modifica profondamente la visione del mondo, si ottengono solo risultati transitori, effetti di spostamento nel tempo di problemi insolubili.

L’uomo oggi, così come non rispetta i tempi e i ritmi della Natura, non ha cura dei propri tempi e ritmi: ha perso coscienza della propria fisicità, delle proprie possibilità corporee ed emozionali.

Anche i nostri bambini, figli di questi tempi, si muovono nel loro corpo, spesso, senza consapevolezza, senza autocontrollo, disorganizzati, pieni di energia esplosiva che non riescono ad incanalare positivamente; per quanto riguarda l’aspetto  emotivo-relazionale non hanno strumenti adeguati per rapportarsi a se stessi ed agli altri, quindi è proprio da qui che bisogna partire senza pensare a risultati immediati, ma con pazienza, saper aspettare, lavorando molto più in profondità per tendere a comportamenti ed atteggiamenti che alla lunga portino ad una visione del mondo diversa da quella di oggi.

L’ecologia profonda, in cui vengono modificate radicalmente le concezioni filosofiche dominanti è una forma di pensiero che dà un’importanza metafisica alla Natura, superando il concetto restrittivo e fuorviante di “ambiente dell’uomo” ed è un atteggiamento olistico, in cui insegnare come liberare la propria forza creativa imparando ed allenando innanzitutto a creare il contatto tra corpo, mente e spirito così da produrre un senso di integrità e benessere che è insieme ri-conoscere ed accettare sé stessi con amore e compassione per poter quindi amare ed accettare gli altri.

Il “Progetto”, naturalmente interdisciplinare, ha come obiettivo quello di guidare ogni bambino-persona nella Natura che lo circonda per viverla in modo corretto ed aiutarlo a trovare in essa pace e serenità, secondo una visione olistica che riconduce ognuno alla totalità.

 

Il progetto si svolgerà da Ottobre 2012 a Giugno 2013 e prevede:

·        uscite sul territorio

·        gite di uno o più giorni  

·        incontri in classe e sul territorio con le GUARDIE ECOLOGICHE VOLONTARIE

·        osservazioni, esperienze sensoriali, riflessioni collettive e personali

·        trasposizione in classe delle esperienze:

-         dal punto di vista storico

-         dal punto di vista geografico

-         dal punto di vista scientifico

-         dal punto di vista linguistico

dal punto di vista artistico

-         dal punto di vista musicale

-         dal punto di vista espressivo-motorio

 

 

I bambini lavoreranno in coppia o in piccoli gruppi col metodo della ricerca-azione; le loro esperienze e i vissuti verranno utilizzati come apertura a nuovi concetti, contesti, problematiche (tecnica del problem-solving). La fantasia dei bambini da una parte ed, il ragionamento dall’altra, porteranno gli alunni ad ipotizzare soluzioni riguardo ad una maggior salvaguardia della Natura.

 

Insegnante referente:

Carnevali Sabrina



 

Versione senza grafica
Versione PDF


<<<  Torna alla pagina precedente


     
 

La scuola

Plessi scolastici

Operazione Trasparenza

News
RIUNIONI CLASSI PRIME
ELENCO MATERIALE PER LE FUTURE CLASSI PRIME
AVCP
Bilancio sociale 2013-Offerta formativa 2014-2015
Teatro Snaporaz: giovedì 30 gennaio 2014, ore 17.00-19.00
OPEN DAY 2014 scuola dell'infanzia
03 febbraio 2014
OPEN DAY 2014 scuole primarie Repubblica e Carpignola
25-29 gennaio 2014
GRADUATORIA DEFINITIVA PROGETTO "UNA SCUOLA SOLIDALE 2OI2"
ISCRIZIONI 2014/2015
GRADUATORIA PROVVISORIA PROGETTO "UNA SCUOLA SOLIDALE 2OI2"
Nota della Direzione Generale per gli Studi, la Statistica ed i Sistemi informativi
Servizio civile 2012/2013 progetto, bando, domande
Progetto Piedibus 2013/2014: tutti a piedi a scuola
calendario scolastico 2012/2013
Adotta una scuola
  tutte le notizie...


Home | Dove siamo | News | Scrivi | Links
 inizio pagina  
Questo sito web fa uso di cookie tecnici 'di sessione', persistenti e di Terze Parti.
Non fa uso di cookie di profilazione.
Proseguendo con la navigazione intendi aver accettato l'uso di questi cookie.
OK
No, desidero maggiori informazioni